Oltre duecento voci si sono sfidate, in giro per l’Italia, in una lunga avventura a colpi di audizioni, speranze ed emozioni. Ma siamo alle battute finali e alla tappa conclusiva del concorso per interpreti di musica leggera italiana, in programma il prossimo 12 dicembre al teatro Garden di Cosenza, andranno solo i migliori. Tra questi ci sono quattro giovani siciliani, allievi del maestro Paolo Li Rosi dell’associazione culturale “Musica e… Oltre”. E, in occasione della finale della kermesse nazionale, duetteranno dal vivo con i big.

La manifestazione, ideata da Cecilia Cesario e giunta alla sua decima edizione, sarà una “full immersion” nel mondo della musica, con esperti del settore, artisti, musicisti, produttori, manager e radio.

Dalla Sicilia partiranno il messinese Santi Briguglio, 16 anni di Roccalumera, che duetterà insieme a Gianni Nazzaro con il brano “Quanto è bella lei”, e tre giovani della provincia di Catania: Noemi Vispo, 21 anni di Caltagirone, che duetterà con il brano “La Notte” insieme a Giuseppe Anastasi, autore dei più grandi successi di Arisa; Nancy Accordino, 24 anni di Scordia, che duetterà insieme a Carlotta con il brano “Frena” e Lorenzo Grosso, 18 anni di Grammichele, che si esibirà con Giulia Luzi e il brano “Togliamoci la voglia”.

“Condivido anche questo risultato – ha dichiarato soddisfatto il maestro Li Rosi – con il mio prezioso assistente, Giovanni Saccà, che ha seguito insieme a me i ragazzi senza mai mollare un attimo la presa. È stato un lavoro faticoso perché ognuno doveva interpretare dieci brani indicati dalla commissione artistica, attenendosi alle tonalità originali. Abbiamo preparato tutto in una sola settimana, ma questo traguardo ci ripaga di ogni fatica!”

Per “Musica e… Oltre” una soddisfazione che si aggiunge a quella di aver visto tra i trenta semifinalisti del concorso, ben tredici dei suoi allievi: la catanese Virginia Lo Greco, i calatini Andrea Caruo, Sofia Tasca, Eliana Mazzei e Matilde Napolitano, tutti di Caltagirone, Erica Trimarchi e Giovanni De Francesco, entrambi di Alì Terme, Chiara Damante di Gela e Roberta Cassarino di Comiso.