Torna la cura anti-cancro Di Bella: l’ha autorizzata un giudice


Contestata dalla comunità scientifica oncologica, bocciata dagli esiti della sperimentazione ufficiale e, nel 2008, anche dalla Cassazione, la cura anti-cancro messa a punto alla fine degli anni ’90 dal professor Luigi Di Bella, fisiologo siciliano morto nel 2003, torna oggi sotto i riflettori per la decisione del giudice del Tribunale di Bari, Maria Procoli, di accogliere il ricorso presentato da un malato di cancro che chiedeva di essere curato con il metodo ideato dal medico tra il 1997 e il 1998. Una decisione subito contestata dalla comunità degli oncologi, che invita a non riaprire la strada a ”false speranze” per tanti malati, e dal senatore del Pd Ignazio Marino. Per il ministro della Salute, Renato Balduzzi, si tratta invece di una vicenda che ”ha già avuto tempo fa un lungo percorso e si è già definita.

 

Non credo – ha detto – di dover fare alcun commento”. Dopo anni di polemiche e la ‘bocciatura’ della cura anche da parte della Cassazione nel 2008 – che disse no al risarcimento danni per la morte di un malato di tumore al quale era stato consegnato in ritardo il cocktail di farmaci della cura – si torna dunque a parlare del contestato metodo. Il giudice ha infatti ordinato alla Asl di Bari la erogazione immediata e gratuita del trattamento, ma il direttore generale della Asl, Domenico Colasanto, ha gia’ firmato il mandato ai legali dell’Azienda sanitaria per opporsi alla decisione del giudice. Perplessita’ arrivano dal senatore del Pd Ignazio Marino, secondo il quale una ”cura non puo’ essere prescritta da un giudice”. Anche l’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) esprime una posizione critica: ”Dobbiamo garantire ai malati – afferma il segretario nazionale Carmine Pintu – cure per le quali c’è una dimostrazione scientifica di efficacia, e non cure potenzialmente tossiche. Sul metodo Di Bella sono state svolte sperimentazioni che hanno dimostrato in modo chiaro l’inefficacia della cura. Insomma, per noi oncologi – commenta – questo è un capitolo chiuso. Il messaggio che lanciamo e’ che non bisogna assolutamente riaccendere false speranze nei pazienti”. Continua invece a sostenere la validità della cura il figlio di Luigi Di Bella, Giuseppe, medico otorinolaringoiatra e continuatore dell’attivita’ del padre: ”Rilevo – afferma – è che sono oltre duemila in Italia le sentenze che hanno condannato le Asl a erogare la terapia di mio padre”. Il metodo (MdB) ormai è ufficiale, sottolinea, ”e si trova nelle banche dati scientifiche mondiali”. Il medico cita anche uno studio, ”presentato lo scorso anno ad un congresso mondiale di oncologia in Cina”, che riferisce dei ”primi 122 casi di tumore alla mammella guariti senza operazione, chemio o radio grazie al Metodo Di Bella”. Insomma, nonostante la sperimentazione clinica del metodo portò a fine anni ’90 a risultati definiti ”inefficaci” dall’ Istituto superiore di sanità, la cura continua a far discutere. La terapia Di Bella consiste fondamentalmente nella somministrazione di un cocktail di sostanze a base di vitamine (beta carotene, alfa tocoferolo, acido retinoico), ormoni (somatostatina, melatonina) e altre sostanze (alcune delle quali sono antitumorali usati nella terapia tradizionale). Proprio alla somatostatina, il medico attribuiva un ruolo chiave: quello di frenare la diffusione del tumore. Quanto ai costi della terapia, usando la somatostatina biologica a 14 amminoacidi del costo di 18 euro circa a fiala, e considerando tutti i componenti del metodo, l’MdB ha un costo che oscilla fra 620 e 800 euro al mese. Se si usano analoghi della somatostatina come l”octreotide depot’ (a lento rilascio) il costo è però sensibilmente incrementato.

 

 

Articolo Precedente Il barocco siciliano trionfa nella collezione Dolce&Gabbana
Articolo Successivo Salute, il fiume in piena che aiuta a vivere meglio

Scrivi un Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *