OVA RUTTI ALL’ACQUA (Uova rotte nell’acqua)


uova rotte

Le uova rotte in acqua sono un piatto povero del nostro mondo contadino. Nelle fredde sere d’inverno, consumare un pasto caldo e proteico era una buona soluzione per affrontare la notte nelle abitazioni scarsamente o per nulla riscaldate. Certo,  chi allevava in casa qualche gallina se lo poteva permettere più frequentemente. In realtà l’acqua di cui parliamo era un semplicissimo ma saporito brodo vegetale, a base di aglio (o cipolla) e prezzemolo. Il brodo poteva essere rinforzato con aggiunta di patate a tocchetti, piselli, di asparagi selvatici o altre verdure che i contadini portavano la sera dalla campagna. Sovente veniva allungato per inzupparvi tanto pane di casa stantio, fatto giorni prima nel forno a legna con lievito madre.

Ecco la versione più semplice che, comunque, è quella che preferisco.

Ingredienti uova rotte nell’acqua

INGREDIENTI (per 1 persona): 2 uova, olio evo, 1-2 spicchi di aglio affettato, abbondante prezzemolo tritato, sale.

PREPARAZIONE: in una padella adeguata soffriggere leggermente aglio e prezzemolo, aggiungere mezzo bicchiere di acqua, un pizzico di sale e portare ad ebollizione. Rompere le uova e lasciarle cadere intere nel brodo. Coprire e cuocere in camicia col tuorlo liquido, come nell’immagine.

Servire con pane casareccio stantio o con crostoni di pane.

 

Articolo Precedente Sul palco di Land arriva Gianluca Vacchi
Articolo Successivo All'Orto Botanico di Palermo torna la mostra-mercato Zagara di Primavera

Scrivi un Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *