Tredici corti in gara per Teatri riflessi


Tredici corti in gara messi in scena da compagnie provenienti dall’intero territorio nazionale. A giugno torna Teatri Riflessi, il Festival Nazionale di Corti Teatrali organizzato da IterCulture, associazione nata nel 2008, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università degli Studi di Catania, in partenariato col Comune di Catania e con il contributo del C.O.F. (Centro Orientamento e Formazione dell’Università degli Studi di Catania).

Dal 7 al 9 giugno, una “tre giorni” di teatro, arte, forum, esposizioni, artigianato che si propone di coniugare l’espressione artistica e culturale contemporanea alla brevità del linguaggio contemporaneo. Anche quest’anno Teatri Riflessi si svolge presso l’ex Monastero dei Benedettini, location che ha ospitato la prima (2009) la quarta edizione (2012) della kermesse.

 

Il tema individuato per la V edizione di Teatri Riflessi è “La licenza alla regola” che vuole essere un invito alla riflessione sull’importanza della “regola” come presupposto di qualsiasi creazione artistica e di qualsiasi “licenza”, poiché la “regola”, qui intesa come complesso di norme acquisite e consolidate da una tradizione culturale condivisa, non solo offre la misura della qualità del prodotto artistico, ma anche e soprattutto rappresenta il presupposto del proprio superamento, della “licenza”, e pertanto è essa stessa uno stimolo alla creatività.

 

Cuore pulsante di Teatri Riflessi è come sempre il Concorso: durante le tre serate del concorso le compagnie in gara si contenderanno i premi di miglior corto, miglior drammaturgia liberi adattamenti, miglior drammaturgia scritture originali, migliore regia, miglior performer, nonché la menzione speciale della stampa.

 

Nel corso delle serate di Teatri Riflessi, verranno assegnati i Premi Riflessi d’Arte al Gold Elephant World, Festival Internazionale di Cinema e Musical di Catania, che giunto alla seconda edizione si sta attestando come evento di riferimento per la promozione della cultura cinematografica promuovendone e diffondendone i fermenti contemporanei, a Savi Manna e Alessandra Pescetta per il progetto “Importante, molto importante” (già vincitore del Premio Drammaturgia (Dusty) e del premio speciale Selezione Catania Film Commission durante la seconda edizione di Teatri Riflessi 2010, e della Menzione speciale per la giuria della IV edizione della rassegna di cortometraggi al femminile “A corto di Donne” – Pozzuoli 2013) divenuto lo scorso anno Corto Cinematografico, portando così a compimento un percorso che partito dal corto teatrale è approdato al corto cinematografico e al Teatro Coppola perché in questi anni è tornato ad essere, attraverso il lavoro volontario degli occupanti, un nuovo spazio creativo e di confronto dove l’arte si fruisce attraverso gli spettacoli e “si impara” attraverso i laboratori.

Tutti i premi conferiti verranno realizzati, come ogni anno, dall’artista Mary Imbiscuso la quale inoltre creerà per la quinta edizione di Teatri Riflessi delle istallazioni che saranno esposte durante le tre giornate della kermesse e che quest’anno inoltre si è occupata in sinergia con IterCulture del concorso StArt – prima collettiva di opere d’arte e progetti espositivi che saranno esposti durante le tre serate del Festival; il miglior progetto espositivo vincerà la possibilità di realizzare una mostra completa (realizzazione opere, allestimento, promozione dell’evento) dal 16 al 30 novembre 2013 nella Sala Refettorio della Corte Mariella Lo Giudice (Palazzo della Cultura del Comune di Catania), messa a disposizione dall’Assessorato Nuove Arti e Nuove Culture del Comune di Catania.

Come già lo scorso anno durante il Festival si svolgerà inoltre il Workshop di fotografia di scena e backstage “Obiettivo Reportage” organizzato da IterCulture in partenariato con Mediterraneum di Vittorio Graziano organizzatore del MedPhotoFest 2013 e con Adriana Conti direttrice di Arte Nuvò Galleria d’Arte e coordinato da Damiano Schinocca  che non si conclude con Teatri Riflessi ma si compone di due fasi, una di formazione e una di visibilità che proseguirà nell’ambito del MedPhotoFest 2013 (ottobre 2013) con la lettura dei portfoli e una collettiva con gli scatti migliori. Una giuria composta da esperti coordinata da Pippo Pappalardo assegnerà un premio al miglior portfolio che consisterà in una mostra personale alla galleria d’arte Arte Nuvò (novembre 2013).

Introdurrà le tre serate StuzzicaMente, momento di intrattenimento preconcorso organizzato in collaborazione con partner e sponsor durante il quale il pubblico potrà “girare” fra gli stand della fiera d’arte e artigianato locale e fruire della zona ristoro.

Articolo Precedente Enzo Trantino al Premio Calabrò
Articolo Successivo Pronto al debutto il Teatro dei due Mari

Scrivi un Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *