Raimondo Todaro protagonista del musical Il grande Gershwin


Grande Gershwin. foto brunella bonaccorsi
Foto Brunella Bonaccorsi

Musica e ballo in un mix travolgente di ricordi e amarcord. Sono questi gli ingredienti della commedia musicale Il Grande Gershwin con Raimondo Todaro che Brigata d’Arte – dopo il grande successo tributato dal proprio pubblico a Lorella Cuccarini, protagonista del musical “La Regina di Ghiaccio” – si appresta a ospitare nel proprio cartellone domenica 4 marzo alle ore 18 (unica replica), al Teatro Metropolitan di Catania. Lo spettacolo, liberamente ispirato alla vita del grande compositore statunitense George Gershwin, vedrà lo straordinario ballerino siciliano Raimondo Todaro, ormai da più di dieci anni nel cast del programma “Ballando con le Stelle”(a breve di nuovo su Rai 1), protagonista nei panni di Fred Astaire.

Foto Brunella Bonaccorsi
Il grande Gershwin. Foto Brunella Bonaccorsi

La compagnia belpassese, fondata da Antonino Russo Giusti nel lontano 1945, da sempre impegnata nel promuovere il Teatro, sia in ambito regionale che nazionale, ha voluto inserire nella sua Grande stagione del Teatro e del Divertimento, questo intrigante racconto delle maggiori opere dell’autore degli indimenticabili successi Un Americano a Parigi, Rapsody in Blue, Summertime.
Prodotto da Salvo Costantino e Marco Grimaldi per Dal Vivo entertainment, il musical è diretto da Turi Giordano e Manola Turi e sarà messo in scena da un cast di 20 artisti, capitanato da Enrico Sortino (nei panni di Gershwin), e da Claudia Bazzano,  Emanuele Puglia e Cosimo Coltraro. In scena anche Maria Carla Aldisio, Giuseppe Billa, Claudia Costantino, Samantha Polizzi, Aurelio Rapisarda, Giovanni Rizzuti, Ilenia Scaringi, Alessandro Severino e Mario Viglianesi.  

Le coreografie, curate da Manola Turi, rappresentano la fusione tra la vivacità dello stile “Anni ’30” e il nuovo “Jazz” e impegneranno in scena un frizzante corpo di ballo composto da Vanessa Battista, Antonio Di Salvo, Marco Gervasi, Fausto Monteforte, Monica Raspanti, Timea Torocsik e Francesca Vicari. Scenografie, disegno luci e suoni progettati e realizzati da Salvo Costantino, costumi di Luca Manuli.

La commedia, liberamente ispirata alle opere maggiori del grande compositore, è costruita su un susseguirsi di episodi legati alla vita del giovane Gershwin raccontati attraverso il ricordo del suo grande amico Fred Astaire. Tutto prende avvio dall’incontro tra i due artisti nella casa musicale Remich e si sviluppa attraverso i momenti più significativi della vita di Gershwin, i suoi successi, i suoi amori, i provini con Ginger Rogers, la sua fine prematura. Impreziosito dalle bellissime canzoni e dalle straordinarie e originali coreografie create sulle sue indimenticabili melodie, il musical, oltre a divertire, non mancherà di affascinare e commuovere lo spettatore che si troverà catapultato, come in un sogno, nei meravigliosi Anni ’30.

La Stagione Teatrale della Brigata d’Arte, che ha alternato le proprie rappresentazioni tra il Teatro Martoglio di Belpasso e il Metropolitan di Catania e che quest’anno ha riscosso particolari consensi da parte di un pubblico sempre più numeroso ed entusiasta, si avvia così verso la sua naturale conclusione. Dopo lo spettacolo fuori abbonamento Due, con Raoul Bova e Chiara Francini, venerdì 9 marzo al Metropolitan, chiuderà il 21 e 22 aprile al Martoglio di Belpasso, con la messinscena de La Giara di Luigi Pirandello che sarà proposta nella forma di commedia musicale con uno straordinario cast di giovani attori, ballerini e cantanti, diretti dal regista Mario Sangani. In tale occasione sarà presentato il nuovo Cartellone che, come nella consolidata tradizione della Brigata d’Arte, oltre alle proprie produzioni con artisti di chiara fama prevede anche la partecipazione di prestigiose compagnie di giro nazionali, per una nuova Grande Stagione del Teatro e del Divertimento.

 

129Shares
Articolo Precedente L’acese Matteo Raciti trionfa al Carnevale di Viareggio
Articolo Successivo Scenario Pubblico: artisti in residenza e doppia performance

Scrivi un Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *