Telestrada press: esce il giornale dei senzatetto


La locanda del Samaritano non si arrende alla crisi economica e riparte con un nuovo progetto: il giornale Telestrada Press.
L’iniziativa è stata presentata ieri, con il primo numero di questo mensile a basso costo, un euro e 50, che permetterà alla locanda di autofinanziarsi per continuare ad aiutare le persone senza tetto.
Giornalisti in erba, coinvolti da anni nel progetto “Redazione di strada”, scriveranno per Telestrada press, trattando principalmente temi all’insegna della positività. Storie difficili che trovano un lieto fine grazie alla cooperazione fra gli individui. Il giornale sarà disponibile in tutte le parrocchie che aderiscono al progetto.
“Vogliamo essere da esempio per la società civile e per tutta la gente in difficoltà che ha bisogno e ha diritto ad un riscatto sociale. Cambiare si può, creando qualcosa di bello e creativo” queste le parole di Padre Mario Sirica, direttore della Locanda del Samaritano. ape pina

La locanda gestisce inoltre degli orti sociali di cui si occupano i senzatetto e la responsabile Emanuela Consoli. Attraverso questi orti urbani si vuole dare un’opportunità alle persone che non riescono ad inserirsi nel mondo del lavoro, permettendogli un riscatto non solo economico ma anche sociale e relazionale.
“Un ritorno alla terra per riscoprire la nostra umanità senza un tornaconto personale, solo un bisogno di aggregazione e collettività.” questo è quanto afferma Emanuela Consoli in merito al progetto.

I prodotti biologici della locanda saranno rivenduti per le strade grazie alla “Pina”, l’ape piaggio rimessa in sesto per promuovere questa iniziativa.
La Pina non solo si occuperà di girare per tutti i mercatini bio di Catania, ma verrà attrezzata a “libreria itinerante” per realizzare progetti di invito alla lettura nelle scuole della città.

Articolo Precedente San Berillo ospita il Vertical garden: un esercito di architetti nel cuore di Catania
Articolo Successivo Massimo Di Cataldo: “I brutti ricordi alle spalle, nel mio futuro c’è la musica”

Scrivi un Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *