Gara in cucina per lo scettro di “master chef”


Sfida tra i fornelli con un menù ispirato al pesce azzurro dello Jonio e ai sapori dell’Etna. Tre squadre di studenti delle terze e quarte classi dell’istituto alberghiero Salvatore Pugliatti di Trappitello Giardini Naxos, capitanati da tre maestri d’eccezione: Pinuccia Di Nardo dell’Antica Filanda di Caprileone, Pietro D’Agostino La Capinera di Spisone a Taormina e Crescenzo Scotti del ristorante Il Cappero al Therasìa Resort di Vulcano, isole Eolie, si contenderanno lo scettro di “master chef”. scotti
Un’iniziativa pensata e organizzata dalla società di formazione Civita, Soste di Ulisse e l’istituto alberghiero, scelta come evento conclusivo del piano formativo T.E.S.è.O. – Taormina Etna: Sviluppo è Occupazione” finanziato da Fondimpresa, il più importante tra i fondi interprofessionali, costituito da Confindustria e Cgil, Cisl e Uil che in un anno e mezzo di attività di formazione e 1800 ore di lezioni su sviluppo organizzativo, innovazione tecnologica, competenze tecnico-professionali e gestionali ha coinvolto un centinaio di aziende dell’area turistico-ricettivo, produttiva agroalimentare e servizi.
Teseo, dunque, chiude con una prova d’autore che si svolgerà lunedì prossimo, 27 ottobre, ore 10,30 tra l’aula magna dell’istituto di Trappitello-Giardini Naxos e le nuovissime cucine appena realizzate, che saranno nell’occasione inaugurate.
Saranno presenti Umberto Iacono, presidente società Civita srl , Nanda D’Amore responsabile Civita Piano Teseo, Luigi Napoli, preside istituto Pugliatti, i professori Mario Raciti, Antonio Emanuele Lo Giudice, Leonardo Nucifora e Marisa Muscolini.
Ogni squadra, composta ciascuna da 5 allievi, si cimenterà nella preparazione del menù che avrà il tocco finale dei tre chef, scelti da Le Soste di Ulisse, l’associazione dei migliori ristoratori che sotto l’effige di Ulisse rappresentano l’eccellenza siciliana e che, per primi in Sicilia, hanno costituito una rete fondata sulla qualità e l’eccellenza, proponendo il Gran Tour dell’isola in chiave enogastronomica. di Nardo
La giuria sarà composta da presidente e segretario di Soste di Ulisse Enrico Briguglio, (Al Duomo di Taormina) e Pinuccio La Rosa (ristorante Locanda di Don Serafino di Ragusa Ibla), il dirigente scolastico Luigi Napoli e due critici enogastronomici Maria Antonietta Pioppo, giornalista CronachediGusto, e Nino Aiello, giornalista del Gambero Rosso, esperto di vini e degustatore della ” Guida ai Vini d’Italia” edita dal Gambero.
“Puntare sulla formazione significa offrire i migliori servizi e una nuova e più qualificata occupazione –spiega Nanda D’Amore, responsabile Civita – questo è uno dei primi obiettivi che si prefigge Fondimpresa”.

GLI CHEF E LE SQUADRE

Pinuccia Di Nardo( Vimercate, Mi, 1970)
Squadra 3^B
Emanuele Lattuga, Salvatore Longo, Valentina Alessandro, Giusy Aprile, Giordano Bongiorno

Menù proposto
Antipasto, Tartare di palamita e petali di gamberi
Primo, Rigatoni al ragout di Capone
Secondo, Trancio di palamita in crosta di pane pomodoro e basilico con contorno di verdure dell’orto
Dessert, cannolo

Pietro D’Agostino
Squadra 3^A
Marilena De Natale, Salvatore Bongiorno, Giulio Mancuso, Martina Tidona, Manuela Gregorio

Menù proposto
Antipasto, Insalata di cipollotto con arancia novellina, pizzuta di Avola, alici e lampuga pescata all’amo
Primo, Tagliolino nero con gamberi rossi, crema di zucchine e mollica ‘’atturrata’’
Secondo, Finta bruschetta di palamita con verdure al vapore, capperi e olive nostrane
Dessert, Tortino caldo alla frutta secca con zabaione al passito di Pantelleria

dagostino

Crescenzo Scotti
Squadra4^A
Carmelo Lembo, Dario Lo Monte, Alessandro Lo Pinto, Corinne Sidoti, Chiara Aoui

Menù proposto
Primo piatto, Paccheri in olio cottura al pesto di zucchine, con palamita crudo e cotto, e gambero scottato.
Secondo piatto, Lampuga in panure aromatica alla griglia che non c’è con crema aglio, olio e peperoncino.
Dessert, Pic nick…ricordo del cannolo
ricotta dolce, spuma di cioccolato e fiammiferi di pasta cannolo.

Articolo Precedente Il no di Borgese a Mussolini: un nuovo libro racconta lo storico rifiuto
Articolo Successivo Prima biblioteca sociale a Librino, quartiere ai margini

1 Commento

  1. KATE 40
    27 ottobre 2014
    Rispondi

    Articolo interessante. Un ” In bocca al lupo” ai partecipanti.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *