Coppie gay: il diritto alla reversibilità


reversibilità coppie gay Foto Brunella Bonaccorsi
Foto Brunella Bonaccorsi

Il Tribunale di Foggia, sezione lavoro, con la sentenza numero 4203/2019 ha riconosciuto il diritto alla reversibilità al convivente superstite nonostante il congiunto fosse morto prima dell’entrata in vigore della legge 76 del 2016, conosciuta anche come legge Cirinnà.

avvocato Lucia Tuccitto (foto di Brunella Bonaccorsi)
Avvocato Lucia Tuccitto (foto di Brunella Bonaccorsi)

La sentenza che segna un passaggio importante nella storia dei diritti, riconoscendo il trattamento di reversibilità al partner superstite di una coppia omosessuale, anche per il periodo antecedente la entrata in vigore della legge c.d. Cirinnà, assume rilievo in quanto “ da effettività ai diritti/doveri di solidarietà propri delle relazioni affettive di coppia e quindi dei diritti fondamentali che l’art. 2 della Costituzione tutela e garantisce all’interno delle formazioni sociali nelle quali va inclusa l’unione omosessuale intesa come stabile convivenza tra due persone dello stesso sesso”, così ha motivato il Giudice del Lavoro.

Articolo Precedente Torre Biologica dell’Università di Catania, presentato il progetto
Articolo Successivo Parte da Catania il Centenario dell’Unione Italiana Ciechi

Scrivi un Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *