Chi studia non paga il biglietto, l’iniziativa premiata dalla Commissione europea


medicina investigazioni digitali

Chi studia, non paga il biglietto è l’iniziativa dell’Università di Catania in collaborazione con Fce, Amt e Comune di Catania. Da quest’anno tutti gli iscritti ai corsi di studio universitari hanno diritto agli abbonamenti gratuiti ai mezzi di trasporto urbano, bus, metropolitana e navette. Ed è proprio questa idea che è stata considerata vincente e premiata come “Best Practice on Sustainable Mobility at Universities” dalla commissione del contest attivato nell’ambito del progetto di ricerca U-MOB LIFE.

U-MOB LIFE è un progetto finanziato dalla Commissione europea all’interno del programma LIFE, che mira a creare un network universitario per facilitare lo scambio e il trasferimento di conoscenze sulle buone norme della mobilità sostenibile tra le università Ue. “L’iniziativa dell’Università di Catania, che permette a un pubblico potenziale di 40 mila studenti di viaggiare gratis sui mezzi pubblici cittadini – spiega il delegato alla Mobilità, professore Giuseppe Inturri – ha ottenuto il punteggio più alto tra tutte le candidature, considerando i diversi criteri di impatto dell’azione: innovatività, coinvolgimento degli stakeholder e trasferibilità dei risultati. Ed è un risultato che si aggiunge al premio di Legambiente per “Le Best Practice 2018 di Ecosistema Urbano”, che ci è stato assegnato l’8 novembre scorso durante la Fiera di Ecomondo di Rimini, a conferma che la mobilità sostenibile diventa sempre più parte integrante del diritto allo studio, accresce il carattere ‘universitario’ della città, aumenta il benessere degli studenti e la sostenibilità del territorio nel quale vivono e studiano”.

La cerimonia di consegna del premio è prevista per il prossimo 14 marzo a Cracovia, a margine della II Conferenza Europea sulla Mobilità Sostenibile nelle Università. Il premio si concretizzerà anche con la produzione di materiale promozionale e di sensibilizzazione alla mobilità sostenibile del valore di 2.500 euro.

Articolo Precedente Eruzione Etna: limitato lo spazio aereo
Articolo Successivo Cenere Etna, chiuso lo spazio aereo. Non si vola su Catania

Scrivi un Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *